Informazioni personali

domenica 17 marzo 2013









La mia storia

La mia storia nel campo della costruzione, riparazione e restauro di barche in legno, incomincia alla veneranda età di circa 45 anni. (anno più anno meno)

Per la verità già qualche anno prima, intorno ai 25/30 acquistai da una Ditta della mia zona che li costruiva in serie, un guscio vuoto stratificato con resina poliestere di una battana, che per chi non è del mestiere, si tratta di una piccola imbarcazione lunga intorno ai 4 metri  con fondo piatto, tipica della mia zona. (Riviera del Conero)

Su questo guscio, ci passai a lavorare per hobby (quindi con grande passione) circa otto mesi.
Lo completai, aggiungendoci longheroni, correnti, bottazzo in mogano massello, al suo interno ci costruii le panche laterali ed il paiolato e ci applicai dietro anche un piccolo fuoribordo Jonshon da 7,5 hp.

L’anno successivo, mi innamorai della vela e quindi sulla mia barchetta, costruii un albero  in legno, con relativo boma, bompressino (nel senso che era molto corto!!!) ed un’antenna ottenendo così un armo al terzo.
La randa con il relativo fiocchetto (sempre nel senso che era veramente piccolo!!!) me li feci fare da una veleria qui della mia zona e con quella barca andai avanti a divertirmi per parecchi anni.

La passione per la vela è comunque andata sempre aumentando e tutt’ora mi affascina non poco.
Come mi affascina non poco tutto quello che riguarda le barche classiche costruite in legno e tutto quello che gira intorno alla marineria, nel senso stretto della parola.

Tutto questo, unito alla grande passione per la lavorazione del legno e dei materiali compositi, mi è stato di grande stimolo per intraprendere appunto la strada a costruire imbarcazioni in legno, (per uso personale) con l’applicazione di sistemi compositi.

5 commenti:

  1. Complimenti Stefano, un grande augurio affinché questo blog richiami tutti gli appassionati delle barche in legno, della vela e non solo.

    The dreamer

    RispondiElimina
  2. ciao Stefano
    hai tutta la mia ammirazione e stima;
    continua cosi', perche' sei un ottimo esempio da seguire.
    In bocca al lupo!
    maurizio

    RispondiElimina
  3. C'e' da rimanere stupefatti complimenti !!

    RispondiElimina
  4. Buonasera Stefano, sono rimasto a bocca aperta nel vedere la sua bravura.
    Io vivo sulle barche di legno e per le barche di legno, e il tutto per la protezione dell'ambiente e dell'acqua. Sto navigando su un Ness Yawl da Londra ad Istanbul, senza motore, e sono arrivato a Budapest. Questo il mio sito www.manontheriver.com , ci sono tanti video, anche della barca che ci siamo costruiti da soli con materiali regalati o riciclati, anche un trave di quercia del 1500.. Insomma con poco denaro e tanto impegno cerco di fare quel che posso.
    Sarei felice di conoscerti anche perchè dovrei fare dei lavori tra i quali una barra per un ketch di 43' di Buchanan che è anche la mia casa e che sto restaurando con le mie mani (ma sono un disastro) e comprare un tuo bozzello bellissimo.
    Io sono a Venezia fino al 11 gennaio poi devo andare a lavorare a Vienna su un vecchio rimorchiatore del 1914 che vedi sul sito.
    Qui i miei contatti: gi.des@me.com
    Se avrai tempo sarei felice di venirti a trovare. Condividiamo troppe cose.
    Complimenti ed auguri

    Giacomo

    RispondiElimina
  5. Ciao Giacomo,
    innanzi tutto ti ringrazio per i complimenti.
    Ho visto il tuo sito e debbo dire che sono rimasto stupefatto anch'io, si vede chiaramente che il tuo viaggio ce lo hai dentro, per cui ti faccio il mio più sincero "in bocca al lupo"

    Per quanto riguarda il fatto di conoscerci, non ci sono proprio problemi.
    Quando vuoi venire,(un giorno qualsiasi che vada bene pure a te) sarà per me un onore fare due chiacchiere insieme.
    Magari, fammi uno squillo il giorno prima!!!

    Ciao a presto!!
    stefano

    RispondiElimina